Puglia quante storie 2 di Autori Vari

20,00
15,00
-25%
Quantità:
Prodotto aggiunto al carrello. Vai al carrello
È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto Vai al carrello

SKU 9788895377674
Spese di spedizione: gratis
Consegna prevista entro Lunedì 26/02

Tags   #pugliquantestorie2  #ilibridiicaro  #puglia  #salento  #concorso 

Dieci racconti, dieci autori diversi selezionati da un’apposita giuria tecnica tra decine di racconti pervenuti alla segreteria organizzativa. Una competizione che altro non è che l'evoluzione del concorso Salento Quante Storie in cui veniva chiesto di scrivere un breve racconto con l'obbligo di ambientarlo nelle terre comprese tra le provincie di Lecce, Brindisi e Taranto.
 La Puglia. Terra di storia, di paesaggi unici e di bellezze artistiche senza tempo. C’è tanto da raccontare su quella che può essere definita una delle regioni più belle d’Italia, culla delle diverse civiltà che nelle varie epoche storiche l’hanno abitata, donandole quel grande patrimonio storico che ancora oggi possiamo ammirare. Meta turistica tra le più ambite, avvolge chi ha la fortuna di  viverci e di visitarla, con i suoi colori e i suoi sapori, rari e apprezzati in tutto il mondo.
Questo libro, come si evince dal titolo stesso, raccoglie storie della Puglia nate da un concorso letterario indetto dalla casa editrice “I libri di Icaro”, giunto alla sua seconda edizione e nel quale si è chiesto ai partecipanti di redigere un racconto con l’unico obbligo di ambientarlo nel territorio pugliese, con lo scopo di far conoscere le sue bellezze attraverso un libro. Una giuria di esperti del settore, composta da giornalisti  e critici letterari, ha selezionato i dieci testi ritenuti più validi e successivamente pubblicati in questa raccolta.  Racconti che possono prendere vita solo in questa regione, tra gli ulivi secolari e i muretti a secco, tra il mare cristallino e le masserie tipiche.
A pensarle e a metterle nero su bianco, autori di origini pugliesi, nella maggior parte donne, che ben conoscono le virtù dei luoghi in cui sono nati e cresciuti. Dieci storie in cui spesso il passato e il presente si fondono, come accade in “Il morso immortale” di Maria Alemanno,  o in cui, tra i  tanti elementi, emerge quello della memoria, che ci riporta indietro nel tempo. Ne sono un esempio “La collana di perle” di Vita Iaia e“L’ortale” di Giuliana Greco, basati sui ricordi della propria infanzia segnata da rapporti familiari importanti.
C’è chi usa il proprio racconto come strumento di denuncia sociale, come Alba Mazzarella, che scrive “Giorno dopo giorno, tra la terra e il cielo”, nel quale invita a considerare la città di Taranto non solo per i danni che ha subito dall’Ilva, ma anche per le sue caratteristiche paesaggistiche e culturali, ponendo in evidenza, inoltre, attraverso Maria, la protagonista, le difficoltà quotidiane di chi lavora in ambito ospedaliero. Una visione sociale ci viene data anche dal giovane Antonio Galati, con il suo racconto “L’Apulia”, in cui si uniscono pensieri e vicissitudini di ragazzi che partono dalla Puglia per conoscere l’estero, o che qui arrivano per sfuggire alla fama e alla povertà africana o che valutano se andarsene via per cercare un lavoro e un futuro più certo altrove.
C’è chi porta il lettore in viaggio con sé per tutto il tacco d’Italia, passando per ogni provincia pugliese, come Simone De Filippis, autore di “Siamo arrivati, papà?”, e c’è chi ci regala coinvolgenti narrazioni profondamente umane, come Felicita Amodio con “Momenti perfetti”, Silvia De Lorenzis  con “Ritorno alle origini”, Paola Manno con “La cagna” e Carmen Daprile con “Italianissimo  e di autore maschio”.
Questo libro non solo ha il merito di far conoscere lo splendido territorio pugliese, ma anche tanti talenti che per, svariate ragioni, faticano a venir fuori nel campo letterario. Esso rappresenta, inoltre, un vero percorso che si snoda tra le coste leccesi e i trulli di Alberobello, le Isole del Golfo di Taranto e i tesori artistici di paesi come Galatina. E poi ancora, le donne “tarantate” , gli usi e i costumi contadini, i dialetti locali, i piatti tipici tradizionali.
E allora iniziamo questo viaggio letterario e gustiamoci la Puglia e le sue storie.